//
reading...
Baltic Youth Philharmonic, Budapest Festival Orchestra, Daniel Barenboim, Filarmonica della Scala, Hangar Bicocca, Israel Philharmonic Orchestra, MITO, MITO SettembreMusica, Orchestra Filarmonica di San Pietroburgo, Piccolo Teatro Strehler, Sala Puccini, Sala Verdi, Teatro alla Scala, Teatro Dal Verme, Teatro degli Arcimboldi, Teatro Leonardo da Vinci, Teatro Martinitt, Teatro Sala Fontana, Teatro San Babila

MITO: al via l’edizione 2011 di MITO SettembreMusica a Milano

clicca per ingrandire

La quinta edizione di MITO SettembreMusica a Milano. Dal 3 al 22 settembre il Festival torna a Milano e Torino. Oltre 30.000 i biglietti già venduti a Milano. Concerto di inaugurazione a Torino il 3 settembre, all’Auditorium Giovanni Agnelli Lingotto e a Milano il 4 settembre al Teatro alla Scala.

Comunicato Stampa – Gli appuntamenti dei primi giorni a Milano

Milano, 30 agosto 2011 – La quinta edizione del Festival MITO SettembreMusica inaugura a Milano domenica 4 settembre (dopo l’inaugurazione di Torino il 3 settembre) con un grande concerto al Teatro alla Scala che ha registrato fin dall’apertura delle vendite il tutto esaurito e che vede protagonisti la Filarmonica della Scala e Daniel Barenboim nella duplice veste di direttore e pianista. In programma, la Sinfonia dall’opera “Semiramide” di Gioachino Rossini, il Concerto per pianoforte e orchestra n. 26 in re maggiore K. 537 “Incoronazione” di Wolfgang Amadeus Mozart e la Sinfonia n. 3 in mi bemolle maggiore op. 55 “Eroica” di Ludwig van Beethoven. Attorno al concerto di apertura, MITO propone quest’anno un ampio progetto Educational: Per la prima volta, il Festival riserva esclusivamente ai giovani fino a 26 anni l’opportunità di assistere alle prove del concerto, il 4 settembre alle ore 11 al Teatro alla Scala, mettendo a disposizione biglietti per tutti i settori al prezzo simbolico di 3 euro. Un’occasione unica per vedere al lavoro il grande maestro, da sempre impegnato nella divulgazione della cultura musicale. Il giorno precedente, sabato 3 settembre alle ore 18, il pubblico ha la possibilità di conoscere il maestro e di conversare con lui, in occasione dell’incontro Impariamo ad ascoltare nell’Aula Magna dell’Università degli Studi di Milano, a ingresso gratuito. Incontro e concerto serale di inaugurazione possono essere seguiti anche in live streaming sul sito www.mitosettembremusica.it.

Ampio spazio nel cartellone è riservato alla ricorrenza dei 150 anni dell’Unità d’Italia, celebrati dal Festival MITO con un vasto progetto di concerti, dalla musica popolare a quella contemporanea. Con la London Sinfonietta, il 5 settembre al Teatro Dal Verme, parte un ciclo di tre appuntamenti che vede protagonisti 13 compositori italiani e stranieri, cui il Festival MITO ha commissionato altrettante composizioni ispirate all’Italia. Il programma del concerto prevede l’esecuzione in prima assoluta dei brani di Louis Andriessen, Harrison Birtwistle, Matteo Franceschini e Fabio Vacchi.

Il Festival prosegue poi fino al 22 settembre con una vasta offerta di musica classica, jazz, pop, rock ed etnica, secondo il programma disponibile sul sito www.mitosettembremusica.it. Anche quest’anno MITO SettembreMusica pone grande attenzione alla diffusione della musica nei luoghi più diversi, con 69 sedi distribuite su tutto il territorio milanese, dal centro alle periferie, a testimonianza della politica di valorizzazione degli spazi urbani, anche al di fuori delle canoniche sedi da concerto.

Non mancano gli appuntamenti tematici, come il ciclo di concerti pianistici, interpretati da giovani talenti, dedicati a Franz Liszt nel bicentenario della nascita, che prende il via il 5 settembre al Teatro Filodrammatici (e non al Teatro Litta come inizialmente previsto). Il primo concerto è affidato a Gianluca Cascioli, affermato pianista di fama internazionale, seguito da André Gallo e Chiara Opalio, il 6 e 7 settembre, e da Roberto Cominati, Roberto Giordano e Alberto Nosè il 12, 13 e 14 settembre, grandi vincitori di concorsi internazionali.

Il 6 e 7 settembre al Conservatorio di Milano un grande ritorno dell’Orchestra Filarmonica di San Pietroburgo diretta da Yuri Temirkanov. Dalla Russia con amore è il titolo del programma che raccoglie in quattro concerti, due a Milano e due a Torino, i capolavori che Čaikovskij, Rachmaninov, Prokof’ev e Stravinsky hanno scritto ispirandosi all’Italia. Sempre il 7 settembre, al Piccolo Teatro Grassi alle ore 17.00, le influenze italiane nella musica degli autori russi risuonano nelle note del pianista Boris Petrushansky e dello Xenia Ensemble.

Il 5 settembre vede il ritorno sul palco del Piccolo Teatro Strehler di una grande artista: Ornella Vanoni, assieme a Peppe Servillo, interpreta Le canzoni della mala. Un doppio percorso musicale inedito, che vede protagoniste da un lato le canzoni della mala “inventate” da Giorgio Strehler per Ornella Vanoni stessa, tra cui la celeberrima Ma Mi, dall’altro le canzoni della mala napoletana interpretate da Peppe Servillo. Due lingue a confronto, due mondi che si intrecciano in un percorso parallelo alla scoperta della canzone dialettale e di un’epoca passata sempre attuale.

Conoscere la musica italiana significa anche riscoprire le sue radici e l’importante patrimonio culturale, ricco di storia e di contaminazioni. In questa prospettiva MITO SettembreMusica, per il particolare anniversario tricolore, propone una serie di concerti di musica popolare. Spetta a Franca Masu, la “voce catalana di Sardegna”, l’apertura di un ciclo di appuntamenti che esplorano la tradizione italiana, soffermandosi sulla cultura regionale. Nello spettacolo Azulejos, il 6 settembre al Teatro Martinitt, la Masu guida alla scoperta della musica di Alghero, fortemente influenzata dal suo dialetto di origine catalana, con un nuovo approccio jazz e una forte sensibilità femminile. Seguono, il 13 e il 20 settembre, i concerti del Canzoniere Grecanico Salentino e degli Yo Yo Mundi.

Il gruppo neozelandese The Naked And Famous, per la prima volta in Italia, il 7 settembre al Circolo Magnolia, inaugura i concerti pop-rock del Festival MITO SettembreMusica. Dalla pubblicazione dell’album d’esordio Passive me, Aggressive You, la band di Auckland si è imposta come una delle più interessanti realtà indie-rock internazionali. Per venire incontro alle numerose richieste del pubblico, il concerto, che ha riscosso grande interesse subito dopo l’apertura delle vendite dei biglietti, è stato spostato in una sede con una capienza maggiore rispetto a quella prevista inizialmente.

Kristjan Jarvi (credit Peter Rigaud)

Numerosi sono gli appuntamenti del Festival con le grandi orchestre internazionali. L’8 settembre alle ore 21.00 al Conservatorio di Milano, Sala Verdi, la Baltic Youth Philharmonic diretta da Kristjan Jarvi avvicina con The Baltic Voyage le due coste opposte del Mar Baltico, unendo stili ed epoche musicali diversi sotto il proprio motto “musica senza confini”. L’orchestra, per la prima volta a Milano, esplora le composizioni di autori originari dei dieci paesi da cui provengono i suoi giovani musicisti: 100 esecutori di età compresa tra i 19 e i 30 anni, selezionati dai Conservatori di Danimarca, Norvegia, Svezia, Finlandia, Russia, Estonia, Lettonia, Lituania, Polonia e Germania.

A seguire, il 9 settembre al Teatro degli Arcimboldi, il pianista turco Fazil Say si esibisce in quattro concerti per pianoforte accompagnato dalla Prague Philharmonia diretta da Jan Latham-Koenig. Gustav Mahler, nel centenario della morte, e Franz Liszt, nel bicentenario della nascita, sono invece i protagonisti dei programmi eseguiti dalla Israel Philharmonic Orchestra diretta da Zubin Mehta, il 13 settembre al Teatro degli Arcimboldi, e dalla Budapest Festival Orchestra diretta da Iván Fischer, il 19 settembre al Conservatorio di Milano.

Anche quest’anno la musica torna in fabbrica. Venerdì 9 settembre alle ore 21.00 Luca Pfaff dirige l’Orchestra I Pomeriggi Musicali in un grande concerto all’interno del Polo Industriale Pirelli a Settimo Torinese. Per poter assistere al concerto e vivere l’insolita esperienza di vedere una fabbrica a ciclo continuo trasformarsi in un suggestivo palcoscenico, il Festival MITO offre la possibilità di raggiungere il Polo Industriale Pirelli di Settimo Torinese con una navetta gratuita, prenotabile in Biglietteria al numero 02.88464748.

Giovedì 8 settembre, MITO SettembeMusica anima Vogue Fashion’s Night Out, con quattro concerti in piazza Cadorna e in piazza San Fedele, realizzati col contributo di Trenord. Ancora una volta il mondo della moda incontra la musica, un connubio perfetto che vede protagoniste la fantasia e la creatività, per una trascinante serata all’insegna dello stile e della qualità.

Per i più piccoli

Nei due weekend del Festival, sabato e domenica pomeriggio, MITO SettembreMusica propone concerti e spettacoli per bambini e ragazzi, nell’ambito del progetto Educational. Il 10 settembre al Teatro San Babila di Milano va in scena Musikanten, una fiaba musicale ispirata a I musicanti di Brema. Il ciclo pensato per i più piccoli prosegue l’11 settembre nella Sala Puccini del Conservatorio di Milano con Ninnenanne e Tarantelle. Nel weekend successivo, il 17 settembre al Teatro Sala Fontana, il piccolo Mozart è alle prese con una nonna poco amante della musica in La nonna di Mozart. Domenica 18 settembre al Teatro Leonardo da Vinci i piccoli spettatori possono assistere alla divertente commedia musicale Cuoche alla riscossa!. Tutti gli spettacoli sono ideati per bambini a partire da 5 anni.

MITO incontra l’Africa in Galleria

Mercoledì 31 agosto, dalle ore 16.30 in Galleria presso la Biglietteria MITO di Milano all’Urban Center, MITO SettembreMusica, anticipando i tre concerti dell’African Day, in programma il 14 settembre al Teatro Manzoni, organizza Incontro con l’Africa, con musiche, danze e percussioni dal continente nero che accompagnano la degustazione gratuita di prodotti equosolidali tipici.

La Grande Festa di Chiusura di Milano, 22 settembre all’Hangar Bicocca

MITO SettembreMusica chiude la sua quinta edizione e saluta il pubblico con la Grande Festa di Chiusura, giovedì 22 settembre alle ore 22. Per l’ultima notte di MITO, Soul Kanaval in Haiti porta nell’Hangar Bicocca lo spirito e l’atmosfera del carnevale di strada di Haiti, paese cui il Festival quest’anno dedica il ciclo di appuntamenti tematici con il suo Focus Sentire Haiti. Una serata che farà rivivere in chiave moderna l’antico spirito afro-caraibico, con i dj set di Jazzanova e J-Wow dei Buraka Som Sistema e con le incursioni di dieci performer che coinvolgeranno il pubblico in danze e coreografie dai ritmi trascinanti.

PER INFORMAZIONI E VENDITA BIGLIETTI:

Biglietteria MITO

Urban Center – Galleria Vittorio Emanuele 11/12

telefono  02.88464725 / 02.88464748

c.mitoinformazioni@comune.milano.it

www.mitosettembremusica.it

UFFICIO STAMPA:

Carmen Ohlmes

MITO SettembreMusica

Responsabile comunicazione (Milano)

02.88464722 / 339.4118058

Mariarosaria Bruno

MITO SettembreMusica (Milano)

02.88454175 / 347.3120110

Coordinamento Ufficio Stampa nazionale

Mara Vitali Comunicazione

Monica Ripamonti – 02.70108230 / 348.0608294

stampa@mitosettembremusica.it

Annunci

Informazioni su Francesco Tadini

Blogzine fondata dal centro culturale Spazio Tadini di Milano. Per info: francescotadini61@gmail.com

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...


Gustavo Bonora Exfabbricadellebambole Milano arteGUSTAVO BONORA su Attilio FORGIOLI - Alla Fondazione Stelline di Milano la mostra  di Forgioli fino al 13 ottobre 2012
Attilio Forgioli, MOSTRA A MILANO
- Una mozione di eccentricità - scrive Bonora - e, ad un tempo, di centralità: Attilio Forgioli, eccentrico rispetto alla dominante ed estenuata cronaca Postmoderna, ma centrale quanto all’iconicità storica, appare con un acuto di consistenza metafisica che, mentre intrattiene anche su contenuti “effimeri” (le scarpe, le bistecche, ecc.), li propone con la densità iconica che colma l’aspettativa estetica. > LEGGI >>
Tieffe Teatro Menotti, Milano arte e cultura, stagione 2012 2013
Tieffe Teatro Menotti, La manomissione delle parole, Gianrico Carofiglio, Milano arte e cultura
LA MANOMISSIONE DELLE PAROLE di e con Gianrico Carofiglio regia Teresa Ludovico.
Noi facciamo a pezzi le parole (le manomettiamo, nel senso di alterarle, violarle) e poi le rimontiamo (nel senso di liberarle dai vincoli delle convenzioni verbali e dei non significati). Solo dopo la manomissione, possiamo usare le nostre parole per raccontare storie. Gianrico Carofiglio - Ragionevoli Dubbi Teatro Menotti >>>
Teatro Menotti, Il ventaglio, Carlo Goldoni, regia Alberto Oliva, Milano arte e cultura
IL VENTAGLIO di Carlo Goldoni, regia Alberto Oliva. "Si respira l’aria della fine di un’epoca, la decadenza scrosta i muri e mina le fondamenta del paese. In questo si può leggere un legame con la nostra contemporaneità" Teatro Menotti >>>

Peau d’Arts Paris – Manon Morin

Manon Morin
Peau d'Arts Paris, a cura di Manon Morin - Mur d'arts contemporains pour artistes, intervenants de l'art et toutes personnes qui aiment les arts.
galerie talmart paris
Vernissage de JIZO, DIVINITE JAPONAISE de Jean-Marc Forax - 1er juin au 7 juillet 2012 - Une série de dessins aquarelles de Jizo, personnage japonais qu'on trouve sur les routes, divinité qui accompagne gaiment les enfants injustement punis.  Avec une vidéo de Shunsuke François Nanjo, et sonorisation de Hogo. Galerie TALMART - 22, rue du Cloître Saint-Merri, 75004 Paris - http://www.galerietalmart.com/
dadamaino-milano-arte-expo
Dadamaino: “Lucio Fontana ha avuto un ruolo determinante nella mia pittura; […] Se non fosse stato Fontana a perforare la tela, probabilmente non avrei osato farlo neppure io. LINK all'articolo per immagini, dettagli, orari.
dadamaino
Dadamaino: “Lucio Fontana ha avuto un grande ruolo nella mia pittura; ...Se non fosse stato Fontana a perforare la tela, probabilmente non avrei osato farlo neppure io.

Categorie


milano musica


Milano Musica, in collaborazione con il Teatro alla Scala, promuove il progetto COSTRUIRE CON LA MUSICA, prima raccolta italiana di strumenti per le scuole di musica in Medio Oriente e Africa, in partenariato con Music Fund, e per il nascente “Sistema italiano delle Orchestre infantili e giovanili”
musicfund
Music Fund soutient des jeunes musiciens et des écoles de musique situées dans des pays en voie de développement ou dans des zones de conflit: (1) Music Fund coordonne des collectes d'instruments de musique en Europe et veille ensuite à  leur restauration et à leur distribution. Ainsi des centaines d'instruments sont offerts aux écoles de musiques en Afrique et au Moyen Orient chaque année.
http://www.musicfund.be/


stradivarius

Fondata nel 1988, la casa discografica Stradivarius si è imposta all'attenzione del mercato discografico internazionale come etichetta specializzata nelle incisioni di musica rinascimentale-barocca e del repertorio contemporaneo. Questa polarità delle scelte programmatiche, in cui si intersecano di volta in volta registrazioni rare e di notevole valore artistico (ad esempio la serie "Un homme de concert" che ha sancito ufficialmente la collaborazione con il grande Sviatoslav Richter), sono state suggerite dalla precisa volontà di assumere una connotazione estremamente caratterizzante nel panorama produttivo discografico. Ampio lo spettro in cui spazia Stradivarius, che propone pubblicazioni di musica sacra, secolare, vocale, strumentale, solistica, da camera e per grandi orchestre, e accanto ai celebri interpreti, l'etichetta milanese promuove giovani artisti di indiscusso talento.
Bruno Canino, René Clemencic, Alan Curtis, Kees Boeke, Emilia Fadini, Oscar Ghiglia, Jean Pierre Dupuy, Gabriel Estarellas, Monica Huggett, Lucas Pfaff, Josep Pons, Josep Pons, Arturo Tamayo, Ensemble Contrechamps de Genève, Munster Kammerorcheter, Meinzer Kammerorchester, Maggio Musicale Fiorentino, Orchestra verdi di Milano, Orchetre Philarmonique de Radio France, sono solo alcuni nomi e formazioni che hanno inciso per Stradivarius.
Con la linea Times Future, inoltre, la Stradivarius è diventata casa di riferimento nel repertorio contemporaneo, pubblicando opere di Donatoni, Sciarrino, Maderna, Petrassi, Molino, Fedele, Kogoj, De Pablo, ed altri ancora.
I CD Stradivarius sono distribuiti su scala mondiale.
SITO WEB: CLICCA QUI
FACEBOOK: CLICCA QUI

Articoli Recenti

Annunci
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: