//
reading...
Concerti Milano, Franz Liszt, MITO, MITO SettembreMusica, Modest Mussorgskij, Teatro Filodrammatici

MITO SettembreMusica: con André Gallo, secondo concerto del ciclo pianistico dedicato a Franz Liszt, Martedì 6 settembre 2011, Teatro Filodrammatici

André Gallo

Per il secondo concerto del ciclo Caro Liszt, altri 200 di questi anni, in programma per MITO SettembreMusica, martedì 6 settembre sarà André Gallo, già in passato ospite del Festival, a salire sul palco del Teatro Filodrammatici di Milano (clicca: MAPPA). Vincitore del Premio Galarte 2006 sezione Musica, conferitogli col patrocinio della Presidenza della Repubblica, il giovanissimo pianista cosentino ha conquistato la stima di pubblico e critica con concerti solistici in prestigiose sedi internazionali quali la Konzerthaus di Berlino o il Teatro Al Bustan di Beirut e ha collaborato con ensemble importanti come l’Orchestra Mozart creata da Claudio Abbado.

Posto unico numerato € 5

André Gallo, pianoforte

Programma

Franz Liszt, 6 Studi d’esecuzione trascendentale da Paganini

Modest Mussorgskij, Quadri di un’esposizione

In apertura, André Gallo eseguirà 6 Studi d’esecuzione trascendentale da Paganini, sei brani che rappresentano la trasposizione per piano di cinque Capricci per violino e dell’ultima parte del Concerto in si minore di Niccolò Paganini, che Liszt compose in una prima stesura nel 1838 col nome di Études d’après Paganini, per poi revisionarli nel 1851 con questo titolo. Frutto virtuosistico della rivalità con il violinista infernale, le sei composizioni presentano uno stile pianistico unico e originale per l’epoca in cui vennero scritte, destinato a influenzare la musica degli anni successivi. Tra queste, il celebre tema del finale del Concerto in si minore, detto la Campanella.

Il concerto prosegue con un’altra composizione dal carattere innovativo per il momento storico in cui vide la luce, Quadri di un’esposizione di Modest Mussorgskij. Nata sotto l’influenza della visita dell’autore alla mostra di quadri e disegni di Viktor Hartmann, poco dopo la morte di quest’ultimo nel nel 1874, la struttura della composizione si basa sull’alternanza di dieci quadri a cinque Promenade, che segnano gli spostamenti dell’osservatore, riprendendo le sensazioni dell’opera appena vista o anticipando quelle dell’opera successiva. Il brano, dal carattere fortemente sperimentale per l’uso percussivo del pianoforte, è per alcuni tratti precursore del Novecento e ha ispirato Vasilij Kandinskij alla realizzazione di una versione teatrale – l’unica opera che vide la regia del pittore – messa in scena al Friedrich Theater di Dessau nel 1928.

Con il sostegno di MEDIASET

In collaborazione con Accademia Pianistica Internazionale, “Incontri col Maestro”- Imola / Fondazione Umberto Micheli

André Gallo nasce ventuno anni fa a Cosenza, è allievo del M° Franco Scala presso l’Accademia Pianistica “Incontri col Maestro” di Imola. Tiene regolarmente concerti solistici e non in prestigiosi teatri, in Italia e all’estero, tra i quali il Teatro Olimpico di Vicenza, la Konzerthaus di Berlino, il Teatro “La Fenice” di Venezia, il Teatro “Al Bustan” di Beirut e il Teatro “Manzoni” di Milano, riscuotendo sempre un successo notevole di pubblico e critica. André Gallo ha collaborato anche con l’Orchestra Mozart istituita del M° Claudio Abbado, l’Orchestra del Friuli Venezia Giulia, l’Orchestra “J. Futura” e l’Orchestra Città di Ferrara. Ha inoltre suonato per l’Associazione Musicale Lucchese, il Festival “Ghislandi” di Crema, il Festival “Da Bach a Bartok” di Imola, il Festival “Le Tastiere raccontano” e per il Festival MITO SettembeMusica. Svolge un’intensa attività cameristica con il clarinettista Niccolò Manco, con il quale forma dal 2003 il “Duo Poulenc”. Nel 2007 forma il “Trio Brahms” composto da Marc Taube, Konstantin Katz e Vadim Pavlov, con la cantante Alda Caiello. Numerose sono le registrazioni radiofoniche e televisive per Mediaset,la Televisione Nazionale Olandese e Radio Classica Italia. Nel 2006 è stato insignito del Premio Galarte 2006 sezione Musica, conferitogli col patrocinio della Presidenza della Repubblica.

PER INFORMAZIONI E VENDITA BIGLIETTI di MITO SettembreMusica:

Biglietteria MITO

Urban Center – Galleria Vittorio Emanuele 11/12

telefono  02.88464725 / 02.88464748

c.mitoinformazioni@comune.milano.it

www.mitosettembremusica.it

App MITO SettembreMusica a Milano per iPhone e iPod-Touch disponibile su http://itunes.apple.com/it/app/id438402161

 

UFFICIO STAMPA MITO Settembre Musica:

Carmen Ohlmes

MITO SettembreMusica

Responsabile comunicazione (Milano)

02.88464722 / 339.4118058

 

Mariarosaria Bruno

MITO SettembreMusica (Milano)

02.88454175 / 347.3120110

 

Coordinamento Ufficio Stampa nazionale

Mara Vitali Comunicazione

Monica Ripamonti  – 02.70108230 / 348.0608294

stampa@mitosettembremusica.it

Annunci

Informazioni su milanoartexpo

Blogzine fondata dal centro culturale Spazio Tadini di Milano. Per info: francescotadini61@gmail.com

Discussione

Non c'è ancora nessun commento.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


Gustavo Bonora Exfabbricadellebambole Milano arteGUSTAVO BONORA su Attilio FORGIOLI - Alla Fondazione Stelline di Milano la mostra  di Forgioli fino al 13 ottobre 2012
Attilio Forgioli, MOSTRA A MILANO
- Una mozione di eccentricità - scrive Bonora - e, ad un tempo, di centralità: Attilio Forgioli, eccentrico rispetto alla dominante ed estenuata cronaca Postmoderna, ma centrale quanto all’iconicità storica, appare con un acuto di consistenza metafisica che, mentre intrattiene anche su contenuti “effimeri” (le scarpe, le bistecche, ecc.), li propone con la densità iconica che colma l’aspettativa estetica. > LEGGI >>
Tieffe Teatro Menotti, Milano arte e cultura, stagione 2012 2013
Tieffe Teatro Menotti, La manomissione delle parole, Gianrico Carofiglio, Milano arte e cultura
LA MANOMISSIONE DELLE PAROLE di e con Gianrico Carofiglio regia Teresa Ludovico.
Noi facciamo a pezzi le parole (le manomettiamo, nel senso di alterarle, violarle) e poi le rimontiamo (nel senso di liberarle dai vincoli delle convenzioni verbali e dei non significati). Solo dopo la manomissione, possiamo usare le nostre parole per raccontare storie. Gianrico Carofiglio - Ragionevoli Dubbi Teatro Menotti >>>
Teatro Menotti, Il ventaglio, Carlo Goldoni, regia Alberto Oliva, Milano arte e cultura
IL VENTAGLIO di Carlo Goldoni, regia Alberto Oliva. "Si respira l’aria della fine di un’epoca, la decadenza scrosta i muri e mina le fondamenta del paese. In questo si può leggere un legame con la nostra contemporaneità" Teatro Menotti >>>

Peau d’Arts Paris – Manon Morin

Manon Morin
Peau d'Arts Paris, a cura di Manon Morin - Mur d'arts contemporains pour artistes, intervenants de l'art et toutes personnes qui aiment les arts.
galerie talmart paris
Vernissage de JIZO, DIVINITE JAPONAISE de Jean-Marc Forax - 1er juin au 7 juillet 2012 - Une série de dessins aquarelles de Jizo, personnage japonais qu'on trouve sur les routes, divinité qui accompagne gaiment les enfants injustement punis.  Avec une vidéo de Shunsuke François Nanjo, et sonorisation de Hogo. Galerie TALMART - 22, rue du Cloître Saint-Merri, 75004 Paris - http://www.galerietalmart.com/
dadamaino-milano-arte-expo
Dadamaino: “Lucio Fontana ha avuto un ruolo determinante nella mia pittura; […] Se non fosse stato Fontana a perforare la tela, probabilmente non avrei osato farlo neppure io. LINK all'articolo per immagini, dettagli, orari.
dadamaino
Dadamaino: “Lucio Fontana ha avuto un grande ruolo nella mia pittura; ...Se non fosse stato Fontana a perforare la tela, probabilmente non avrei osato farlo neppure io.

Categorie


milano musica


Milano Musica, in collaborazione con il Teatro alla Scala, promuove il progetto COSTRUIRE CON LA MUSICA, prima raccolta italiana di strumenti per le scuole di musica in Medio Oriente e Africa, in partenariato con Music Fund, e per il nascente “Sistema italiano delle Orchestre infantili e giovanili”
musicfund
Music Fund soutient des jeunes musiciens et des écoles de musique situées dans des pays en voie de développement ou dans des zones de conflit: (1) Music Fund coordonne des collectes d'instruments de musique en Europe et veille ensuite à  leur restauration et à leur distribution. Ainsi des centaines d'instruments sont offerts aux écoles de musiques en Afrique et au Moyen Orient chaque année.
http://www.musicfund.be/


stradivarius

Fondata nel 1988, la casa discografica Stradivarius si è imposta all'attenzione del mercato discografico internazionale come etichetta specializzata nelle incisioni di musica rinascimentale-barocca e del repertorio contemporaneo. Questa polarità delle scelte programmatiche, in cui si intersecano di volta in volta registrazioni rare e di notevole valore artistico (ad esempio la serie "Un homme de concert" che ha sancito ufficialmente la collaborazione con il grande Sviatoslav Richter), sono state suggerite dalla precisa volontà di assumere una connotazione estremamente caratterizzante nel panorama produttivo discografico. Ampio lo spettro in cui spazia Stradivarius, che propone pubblicazioni di musica sacra, secolare, vocale, strumentale, solistica, da camera e per grandi orchestre, e accanto ai celebri interpreti, l'etichetta milanese promuove giovani artisti di indiscusso talento.
Bruno Canino, René Clemencic, Alan Curtis, Kees Boeke, Emilia Fadini, Oscar Ghiglia, Jean Pierre Dupuy, Gabriel Estarellas, Monica Huggett, Lucas Pfaff, Josep Pons, Josep Pons, Arturo Tamayo, Ensemble Contrechamps de Genève, Munster Kammerorcheter, Meinzer Kammerorchester, Maggio Musicale Fiorentino, Orchestra verdi di Milano, Orchetre Philarmonique de Radio France, sono solo alcuni nomi e formazioni che hanno inciso per Stradivarius.
Con la linea Times Future, inoltre, la Stradivarius è diventata casa di riferimento nel repertorio contemporaneo, pubblicando opere di Donatoni, Sciarrino, Maderna, Petrassi, Molino, Fedele, Kogoj, De Pablo, ed altri ancora.
I CD Stradivarius sono distribuiti su scala mondiale.
SITO WEB: CLICCA QUI
FACEBOOK: CLICCA QUI

Articoli Recenti

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: