//
reading...
Arnold Schönberg, Associazione Amici di Musica/Realtà, Auditorium San Fedele, Fondazione Culturale San Fedele, Luigi Pestalozza, MITO, MITO SettembreMusica, Wassily Kandinsky

Arnold Schönberg: il Quartetto di Cremona esegue per MITO SettembreMusica il concerto che 100 anni fa ispirò a Kandinsky il quadro Impression III (Konzert)

Alfonso Alberti - crediti foto: Marco Carloni

Il gennaio 1911 segnò per l’arte e la musica l’inizio di una particolare  e importantissima amicizia, che trovò espressione in un ricco epistolario durato più di 10 anni: a conclusione della giornata en promenade, MITO SettembreMusica, giovedì 8 settembre all’Auditorium San Fedele (clicca qui: MAPPA) alle ore 21, propone il concerto che Wassily Kandinsky ascoltò nel gennaio 1911 nella Jahreszeitensaal di Monaco di Baviera. Fu il primo incontro del pittore con la musica di Arnold Schönberg…… una musica che aveva appena compiuto il passo dalla tonalità all’atonalità e che suscitò nel pittore grande entusiasmo. Vasilij Vasil’evič Kandinskij scrisse la prima lettera a Schönberg il 18 gennaio del 1911, pochi giorni dopo il concerto: “Lei ha realizzato nelle Sue opere quello che io inconsciamente anelo da sempre nella musica. Il percorso autonomo attraverso il proprio destino, la vita delle singole voci nelle Sue composizioni è esattamente ciò che anche io cerco di esprimere nella pittura.” L’ascolto del concerto ispirò il pittore alla realizzazione del quadro “Impression III (Konzert)”.

In collaborazione con Associazione Amici di Musica/Realtà e Fondazione Culturale San Fedele

Lorna Windsor, soprano
Alfonso Alberti, pianoforte
Quartetto di Cremona:
Cristiano Gualco, Paolo Andreoli, violini
Simone Gramaglia, viola
Giovanni Scaglion, violoncello
Introduce Luigi Pestalozza

Ingresso gratuito fino a esaurimento posti
Concerto trasmesso in live streaming sul sito www.mitosettembremusica.it

Programma:
Arnold Schönberg
3 Klavierstücke op. 11
Quartetto per archi n. 1 op .7
8 Lieder op. 6 n. 3, 4, 6 e 8
4 Lieder op. 2 n. 1
Quartetto per archi n. 2 op. 10

Lorna Windsor, ( sito: http://www.lornawindsor.com/) nata nel Kent in Gran Bretagna, ha studiato pianoforte e viola. In seguito, si è diplomata in canto alla Guildhall School of Music and Drama di Londra, perfezionandosi nel repertorio liederistico con Elisabeth Schwarzkopf e con Graziella Sciutti a Londra, con Hans Hotter a Vienna e con Gérard Souzay a Parigi. Il suo temperamento brillante sul palcoscenico la porta immediatamente all’operetta, a cominciare dal debutto come Rosalinde in Die Fledermaus a Die lustige Witwe di Lehar a Tours e a Marsiglia, per continuare con la maggior parte dei ruoli di Offenbach, diretta da Jérôme Savary al Théâtre des Champs Elysées a Paris, a Radio France e nei principali teatri francesi. Ha interpretato anche vari ruoli delle opere buffe napoletane del Settecento per il Teatro Massimo di Palermo. Si distingue inoltre nel repertorio di musica antica, esibendosi nei canti del ‘200 dei Trobadors nella lingua occitana. Nel suo percorso, si distingue anche per le interpretazioni dei ruoli mozartiani, tra i quali ricordiamo Venere in Ascanio in Alba, Donna Anna nel Don Giovanni a Glyndebourne, Despina in Cosi fan tutte diretta da Claudio Abbado e nell’edizione di Giorgio Strehler con il Piccolo Teatro di Milano, a Roma, Pechino, San Pietroburgo e Mosca. Riconosciuta come interprete raffinata di Lieder si esibisce frequentemente in recital dedicati alla musica da camera romantica e contemporanea, con diverse ensemble, in opere di Berio, Cage, Feldman, Castiglioni, Hindemith, Crumb, Schoenberg, Denissov, Ives, Boulez, Messiaen, Kurtag, Togni, Dallapiccola nelle maggiori rassegne internazionali. È richiesta come interprete ideale da compositori contemporanei che dedicano alla sua voce ed interpretazione le loro opere. Collabora con numerosi solisti e ensemble prestigiosi internazionali. Vasto è anche il repertorio di incisioni che rappresentano la musica del ‘900: Casella, Ghedini, Pizzetti, Togni, Cage, Cavallone, Benati, Morales Caso, e, nel 2011, Castelnuovo Tedesco, Hindemith, e i canti dei Sefarditi, con il chitarrista americano Adam Levin.

Alfonso Alberti (sito: http://www.alfonsoalberti.it/) svolge un’intensa attività di pianista in Europa e negli Stati Uniti. Nato nel 1976, ha suonato in luoghi come il Konzerthaus di Vienna, il Teatro Dal Verme di Milano, il Teatro Bibiena di Mantova, la Tonhalle di Düsseldorf, il LACMA di Los Angeles e i giardini della Guggenheim Collection a Venezia, collaborando con direttori come T. Ceccherini, G. Kuhn, V. Parisi, A. Tamayo, F. E. Scogna, Y. Sugiyama, P.-A. Valade. Fra i suoi numerosi cd, Cangianti (Col legno, musiche di Niccolò Castiglioni) e Dispositions furtives (Col legno, musiche di Gérard Pesson). Presto sarà invece pubblicato un cd Stradivarius con il Concerto per pianoforte e orchestra di Goffredo Petrassi (Orchestra della RAI di Torino, direttore A. Tamayo). Ha tenuto a battesimo composizioni per pianoforte solo di J. Baboni Schilingi, P. Castaldi, O. Coluccino, G. Gaslini, S. Gervasoni, G. Giuliano, D. Lombardi, A. Melchiorre, F. Nieder, G. Pesson, R. HP Platz, F. Razzi, G. Shohat, G. Sinopoli, A. Solbiati, Y. Sugiyama, M. Traversa e diversi altri compositori.Affianca all’attività di pianista quella di musicologo: ha pubblicato Niccolò Castiglioni, 1950-1966 (LIM, 2007), Vladimir Horowitz (L’Epos, 2008) e Le sonate di Claude Debussy (LIM, 2008). A lui, nel 2010, il canale televisivo Sky Classica ha dedicato un documentario per la serie Notevoli.

Il Quartetto di Cremona (sito: http://www.quartettodicremona.it/) nasce nel 2000, durante un periodo di studio all’Accademia Stauffer di Cremona con Salvatore Accardo, Bruno Giuranna e Rocco Filippini. L’ensemble – nell’attuale formazione dal 2002 – in breve si afferma come una delle realtà cameristiche europee più interessanti e dinamiche grazie ad un continuo impegno nell’approfondimento musicale, integrato da una comunicativa spontanea sul pubblico. Gli importanti riconoscimenti ottenuti in concorsi internazionali imprimono un grande impulso alla carriera del Quartetto che intraprende un’intensa attività concertistica e, in breve, viene invitato ad esibirsi nei principali festival e rassegne di tutto il mondo, dall’intera Europa al Sudamerica, dall’Australia agli Stati Uniti. Anche la stampa specializzata internazionale sottolinea le qualità artistiche ed interpretative del Quartetto di Cremona: la rivista inglese The Strad, in seguito a un concerto alla Wigmore Hall, ne descrive “il fraseggio classico che cuce Mozart alla perfezione, come fosse un abito di Armani”.Emittenti radiotelevisive di tutto il mondo -quali RAI, WDR, BBC, VRT, SDR, ABC- trasmettono regolarmente i concerti del Quartetto di Cremona in un repertorio che spazia dalle prime opere di Haydn fino alla musica contemporanea: tra i compositori viventi il Quartetto di Cremona ha collaborato con Fabio Vacchi, Helmuth Lachenmann, Silvia Colasanti. Il 2009-10 è un anno di evoluzione e di importanti svolte per il Cremona: esordisce in campo discografico con Decca e incide l’integrale dei Quartetti di Fabio Vacchi; è invitato dal Festival MITO SettembreMusica 2009 in collaborazione con la Società del Quartetto di Milano; è ospite delle stagioni concertistiche delle più importanti Associazioni italiane, in particolare ricordiamo la Società del Quartetto di Milano che lo nomina “artist in residence” per un progetto di concerti e di collaborazione che culminerà nel 2014 – in occasione dei 150 anni della storica istituzione – nell’esecuzione integrale dei quartetti di Beethoven. Il Quartetto di Cremona collabora stabilmente con colleghi di fama internazionale quali Bruno Giuranna, Massimo Quarta, Enrico Dindo, Enrico Bronzi, Alessandro Carbonare, Andrea Lucchesini, Pietro de Maria, Angela Hewitt, Ivo Pogorelich, Lilya Zilberstein, Cédric Tiberghien, e Pieter Wispelwey. Il Quartetto di Cremona è in residence presso la Società del Quartetto di Milano

 

PER INFORMAZIONI MITO Settembre Musica:

Biglietteria MITO SettembreMusica

Urban Center – Galleria Vittorio Emanuele 11/12

telefono  02.88464725 / 02.88464748

c.mitoinformazioni@comune.milano.it

www.mitosettembremusica.it

App MITO SettembreMusica a Milano per iPhone e iPod-Touch disponibile su http://itunes.apple.com/it/app/id438402161

 

UFFICIO STAMPA MITO Settembre Musica:

Carmen Ohlmes

MITO SettembreMusica

Responsabile comunicazione (Milano)

02.88464722 / 339.4118058

Mariarosaria Bruno

MITO SettembreMusica (Milano)

02.88454175 / 347.3120110

Coordinamento Ufficio Stampa nazionale

Mara Vitali Comunicazione

Monica Ripamonti  – 02.70108230 / 348.0608294

stampa@mitosettembremusica.it

Annunci

Informazioni su milanoartexpo

Blogzine fondata dal centro culturale Spazio Tadini di Milano. Per info: francescotadini61@gmail.com

Discussione

Non c'è ancora nessun commento.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


Gustavo Bonora Exfabbricadellebambole Milano arteGUSTAVO BONORA su Attilio FORGIOLI - Alla Fondazione Stelline di Milano la mostra  di Forgioli fino al 13 ottobre 2012
Attilio Forgioli, MOSTRA A MILANO
- Una mozione di eccentricità - scrive Bonora - e, ad un tempo, di centralità: Attilio Forgioli, eccentrico rispetto alla dominante ed estenuata cronaca Postmoderna, ma centrale quanto all’iconicità storica, appare con un acuto di consistenza metafisica che, mentre intrattiene anche su contenuti “effimeri” (le scarpe, le bistecche, ecc.), li propone con la densità iconica che colma l’aspettativa estetica. > LEGGI >>
Tieffe Teatro Menotti, Milano arte e cultura, stagione 2012 2013
Tieffe Teatro Menotti, La manomissione delle parole, Gianrico Carofiglio, Milano arte e cultura
LA MANOMISSIONE DELLE PAROLE di e con Gianrico Carofiglio regia Teresa Ludovico.
Noi facciamo a pezzi le parole (le manomettiamo, nel senso di alterarle, violarle) e poi le rimontiamo (nel senso di liberarle dai vincoli delle convenzioni verbali e dei non significati). Solo dopo la manomissione, possiamo usare le nostre parole per raccontare storie. Gianrico Carofiglio - Ragionevoli Dubbi Teatro Menotti >>>
Teatro Menotti, Il ventaglio, Carlo Goldoni, regia Alberto Oliva, Milano arte e cultura
IL VENTAGLIO di Carlo Goldoni, regia Alberto Oliva. "Si respira l’aria della fine di un’epoca, la decadenza scrosta i muri e mina le fondamenta del paese. In questo si può leggere un legame con la nostra contemporaneità" Teatro Menotti >>>

Peau d’Arts Paris – Manon Morin

Manon Morin
Peau d'Arts Paris, a cura di Manon Morin - Mur d'arts contemporains pour artistes, intervenants de l'art et toutes personnes qui aiment les arts.
galerie talmart paris
Vernissage de JIZO, DIVINITE JAPONAISE de Jean-Marc Forax - 1er juin au 7 juillet 2012 - Une série de dessins aquarelles de Jizo, personnage japonais qu'on trouve sur les routes, divinité qui accompagne gaiment les enfants injustement punis.  Avec une vidéo de Shunsuke François Nanjo, et sonorisation de Hogo. Galerie TALMART - 22, rue du Cloître Saint-Merri, 75004 Paris - http://www.galerietalmart.com/
dadamaino-milano-arte-expo
Dadamaino: “Lucio Fontana ha avuto un ruolo determinante nella mia pittura; […] Se non fosse stato Fontana a perforare la tela, probabilmente non avrei osato farlo neppure io. LINK all'articolo per immagini, dettagli, orari.
dadamaino
Dadamaino: “Lucio Fontana ha avuto un grande ruolo nella mia pittura; ...Se non fosse stato Fontana a perforare la tela, probabilmente non avrei osato farlo neppure io.

Categorie


milano musica


Milano Musica, in collaborazione con il Teatro alla Scala, promuove il progetto COSTRUIRE CON LA MUSICA, prima raccolta italiana di strumenti per le scuole di musica in Medio Oriente e Africa, in partenariato con Music Fund, e per il nascente “Sistema italiano delle Orchestre infantili e giovanili”
musicfund
Music Fund soutient des jeunes musiciens et des écoles de musique situées dans des pays en voie de développement ou dans des zones de conflit: (1) Music Fund coordonne des collectes d'instruments de musique en Europe et veille ensuite à  leur restauration et à leur distribution. Ainsi des centaines d'instruments sont offerts aux écoles de musiques en Afrique et au Moyen Orient chaque année.
http://www.musicfund.be/


stradivarius

Fondata nel 1988, la casa discografica Stradivarius si è imposta all'attenzione del mercato discografico internazionale come etichetta specializzata nelle incisioni di musica rinascimentale-barocca e del repertorio contemporaneo. Questa polarità delle scelte programmatiche, in cui si intersecano di volta in volta registrazioni rare e di notevole valore artistico (ad esempio la serie "Un homme de concert" che ha sancito ufficialmente la collaborazione con il grande Sviatoslav Richter), sono state suggerite dalla precisa volontà di assumere una connotazione estremamente caratterizzante nel panorama produttivo discografico. Ampio lo spettro in cui spazia Stradivarius, che propone pubblicazioni di musica sacra, secolare, vocale, strumentale, solistica, da camera e per grandi orchestre, e accanto ai celebri interpreti, l'etichetta milanese promuove giovani artisti di indiscusso talento.
Bruno Canino, René Clemencic, Alan Curtis, Kees Boeke, Emilia Fadini, Oscar Ghiglia, Jean Pierre Dupuy, Gabriel Estarellas, Monica Huggett, Lucas Pfaff, Josep Pons, Josep Pons, Arturo Tamayo, Ensemble Contrechamps de Genève, Munster Kammerorcheter, Meinzer Kammerorchester, Maggio Musicale Fiorentino, Orchestra verdi di Milano, Orchetre Philarmonique de Radio France, sono solo alcuni nomi e formazioni che hanno inciso per Stradivarius.
Con la linea Times Future, inoltre, la Stradivarius è diventata casa di riferimento nel repertorio contemporaneo, pubblicando opere di Donatoni, Sciarrino, Maderna, Petrassi, Molino, Fedele, Kogoj, De Pablo, ed altri ancora.
I CD Stradivarius sono distribuiti su scala mondiale.
SITO WEB: CLICCA QUI
FACEBOOK: CLICCA QUI

Articoli Recenti

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: