//
reading...
Chiara Opalio, Concerti Milano, Franz Liszt, Franz Schubert, MITO, MITO SettembreMusica, Robert Schumann, Teatro Filodrammatici

MITO SettembreMusica con Chiara Opalio al pianoforte prosegue il ciclo Caro Liszt, altri 200 di questi anni – mercoledì 7 settembre 2011

Chiara Opalio

Chiara Opalio, giovanissima, ha vinto già alcune tra le più importanti rassegne e concorsi pianistici italiani. Mercoledì 7 settembre 2011 alle ore 18.00 presso il Teatro Filodrammatici (clicca: MAPPA), continua il ciclo Caro Liszt, altri 200 di questi anni, con il quale il Festival MITO SettembreMusica ricorda il compositore ungherese a duecento anni dalla nascita. Il programma propone un viaggio tra poesia e amore, su musiche originali di Franz Liszt e trascrizioni da Robert Schumann e da Franz Schubert. Il concerto si apre con Tre Sonetti del Petrarca da Années de Pèlerinage, composti da Liszt durante il suo pellegrinaggio artistico in Italia assieme all’amante Marie d’Agoult.

*

MITO SettembreMusica – Caro Liszt, altri 200 di questi anni – (Mercoledì 7 settembre 2011) al Teatro Filodrammatici.

Chiara Opalio, pianoforte

Programma
Franz Liszt, 3 Sonetti del Petrarca da Années de Pèlerinage
Franz Liszt-Robert Schumann, Liebeslied (Widmung)
Franz Liszt, Liebestraum n. 3
Franz Liszt-Franz Schubert, Soirees de Vienne, Valse Caprice n.6
Franz Schubert, Sonata in la minore D 784

È proprio Marie a far conoscere a Liszt il Canzoniere di Petrarca dal quale il compositore trae le tre liriche, ‘Benedetto sia ‘l giorno, ‘l mese e l’anno’, ‘Pace non trovo’ e ‘I’ vidi in terra angelici costumi’, su cui si basano i tre sonetti che fanno parte del secondo quaderno delle Anneés de pèlerinage. Benché questi brani siano stati scritti tra il 1838 e il 1839 come Lieder, Liszt elaborò quasi subito la versione per pianoforte solo che viene proposta in questo concerto. Dall’amore travolgente e clandestino di Liszt, si passa, con Widmung, alla vita coniugale di Robert Schumann e della moglie Clara. Widmung, letteralmente “dedica”, è il Lied che, con la sua intensa melodia, apre la raccolta Myrthen, dono di nozze di Schumann alla sua sposa. Anche il celebre Liebestraum n. 3, come il precedente Widmung, è la trascrizione per pianoforte di un Lied che fa parte della raccolta dei tre ‘sogni d’amore’, caratterizzati da melodia cantabile e un andamento tranquillo. Gli ultimi due brani invece rappresentano delle trascrizioni che Liszt fece, durante gli anni di Weimar, di composizioni di Franz Schubert, come i Soirée de Vienne, trascrizioni di 9 valzer dell’op. 9 del compositore viennese. I brani presentati possono essere considerati più che delle trascrizioni delle vere e proprie parafrasi, visto il grande numero di adattamenti e di aggiunte che Liszt, da grande virtuoso del suo strumento, volle apportare. La Sonata in la minore op. 143 incarna, soprattutto nella grande libertà con la quale elabora il suoi temi, l’ideale romantico di Schubert. L’autore in quel periodo era malato di sifilide e la dolorosa solitudine in cui era costretto, si riflette nel clima di diffusa malinconia che caratterizza il brano.

In collaborazione con Accademia Pianistica Internazionale “Incontri col Maestro”- Imola e Fondazione Umberto Micheli

Chiara Opalio è nata a Vittorio Veneto nel 1990, dove risiede. Ha iniziato a suonare il pianoforte all’età di tre anni e mezzo con Giulia Linussio. Ha proseguito gli studi con Giorgio Lovato fino all’età di undici anni, iscrivendosi poi all’Accademia Pianistica “Incontri col Maestro” di Imola. Sempre da giovanissima, è risultata vincitrice delle più importanti rassegne e concorsi pianistici italiani. Si è esibita come solista e con orchestra nella Sala Puccini del Conservatorio di Milano, al Teatro Olimpico di Vicenza, a Stresa per la Rassegna Musicale “Dino Ciani”, al Teatro Comunale di Monfalcone, all’Accademia Filarmonica di Roma. Nel 2005 ha eseguito il Concerto per tre pianoforti e orchestra K. 242 di Mozart al Teatro Dal Verme di Milano con l’Orchestra dei Pomeriggi Musicali. Ha anche tenuto una serie di recital in Germania, Svizzera, Francia, Croazia, Slovenia, Inghilterra e nel Principato di Monaco dove ha riportato un lusinghiero e incoraggiante successo di pubblico. Nel 2006 si è diplomata al Conservatorio “G. Tartini” di Trieste con il massimo dei voti, la lode e la menzione speciale. La settimana successiva è risultata vincitrice del Premio Pianistico Internazionale Stefano Marizza, presieduto da Dario De Rosa che le ha conferito il primo premio “per le eccellenti qualità pianistiche e musicali di una autentica promessa del pianoforte”. Ha recentemente partecipato come pianista ospite nella trasmissione “Il Pianista” di Radio Classica-Milano Finanza. Da diversi anni studia anche violino con Michele Lot, superando superato l’esame di quinto anno presso il Conservatorio di Castelfranco. Attiva anche nell’ambito della musica da camera, si esibisce in duo conla violinista Corinna Canzian, con la quale ha vinto il Primo premio assoluto al Concorso Internazionale di Schio, il Primo premio al Concorso Nazionale di Musile di Piave e Primo premio al Concorso Riviera della Versilia “Daniele Ridolfi”.

 

PER INFORMAZIONI E VENDITA BIGLIETTI del Festival MITO Settembre Musica:

 

Biglietteria MITO

Urban Center – Galleria Vittorio Emanuele 11/12

telefono  02.88464725 / 02.88464748

c.mitoinformazioni@comune.milano.it

www.mitosettembremusica.it

App MITO SettembreMusica a Milano per iPhone e iPod-Touch disponibile su http://itunes.apple.com/it/app/id438402161

 

UFFICIO STAMPA MITO SettembreMusica:

Carmen Ohlmes

MITO SettembreMusica

Responsabile comunicazione (Milano)

02.88464722 / 339.4118058

Mariarosaria Bruno

MITO SettembreMusica (Milano)

02.88454175 / 347.3120110

Coordinamento Ufficio Stampa nazionale

Mara Vitali Comunicazione

Monica Ripamonti  – 02.70108230 / 348.0608294

stampa@mitosettembremusica.it

Annunci

Informazioni su milanoartexpo

Blogzine fondata dal centro culturale Spazio Tadini di Milano. Per info: francescotadini61@gmail.com

Discussione

Non c'è ancora nessun commento.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


Gustavo Bonora Exfabbricadellebambole Milano arteGUSTAVO BONORA su Attilio FORGIOLI - Alla Fondazione Stelline di Milano la mostra  di Forgioli fino al 13 ottobre 2012
Attilio Forgioli, MOSTRA A MILANO
- Una mozione di eccentricità - scrive Bonora - e, ad un tempo, di centralità: Attilio Forgioli, eccentrico rispetto alla dominante ed estenuata cronaca Postmoderna, ma centrale quanto all’iconicità storica, appare con un acuto di consistenza metafisica che, mentre intrattiene anche su contenuti “effimeri” (le scarpe, le bistecche, ecc.), li propone con la densità iconica che colma l’aspettativa estetica. > LEGGI >>
Tieffe Teatro Menotti, Milano arte e cultura, stagione 2012 2013
Tieffe Teatro Menotti, La manomissione delle parole, Gianrico Carofiglio, Milano arte e cultura
LA MANOMISSIONE DELLE PAROLE di e con Gianrico Carofiglio regia Teresa Ludovico.
Noi facciamo a pezzi le parole (le manomettiamo, nel senso di alterarle, violarle) e poi le rimontiamo (nel senso di liberarle dai vincoli delle convenzioni verbali e dei non significati). Solo dopo la manomissione, possiamo usare le nostre parole per raccontare storie. Gianrico Carofiglio - Ragionevoli Dubbi Teatro Menotti >>>
Teatro Menotti, Il ventaglio, Carlo Goldoni, regia Alberto Oliva, Milano arte e cultura
IL VENTAGLIO di Carlo Goldoni, regia Alberto Oliva. "Si respira l’aria della fine di un’epoca, la decadenza scrosta i muri e mina le fondamenta del paese. In questo si può leggere un legame con la nostra contemporaneità" Teatro Menotti >>>

Peau d’Arts Paris – Manon Morin

Manon Morin
Peau d'Arts Paris, a cura di Manon Morin - Mur d'arts contemporains pour artistes, intervenants de l'art et toutes personnes qui aiment les arts.
galerie talmart paris
Vernissage de JIZO, DIVINITE JAPONAISE de Jean-Marc Forax - 1er juin au 7 juillet 2012 - Une série de dessins aquarelles de Jizo, personnage japonais qu'on trouve sur les routes, divinité qui accompagne gaiment les enfants injustement punis.  Avec une vidéo de Shunsuke François Nanjo, et sonorisation de Hogo. Galerie TALMART - 22, rue du Cloître Saint-Merri, 75004 Paris - http://www.galerietalmart.com/
dadamaino-milano-arte-expo
Dadamaino: “Lucio Fontana ha avuto un ruolo determinante nella mia pittura; […] Se non fosse stato Fontana a perforare la tela, probabilmente non avrei osato farlo neppure io. LINK all'articolo per immagini, dettagli, orari.
dadamaino
Dadamaino: “Lucio Fontana ha avuto un grande ruolo nella mia pittura; ...Se non fosse stato Fontana a perforare la tela, probabilmente non avrei osato farlo neppure io.

Categorie


milano musica


Milano Musica, in collaborazione con il Teatro alla Scala, promuove il progetto COSTRUIRE CON LA MUSICA, prima raccolta italiana di strumenti per le scuole di musica in Medio Oriente e Africa, in partenariato con Music Fund, e per il nascente “Sistema italiano delle Orchestre infantili e giovanili”
musicfund
Music Fund soutient des jeunes musiciens et des écoles de musique situées dans des pays en voie de développement ou dans des zones de conflit: (1) Music Fund coordonne des collectes d'instruments de musique en Europe et veille ensuite à  leur restauration et à leur distribution. Ainsi des centaines d'instruments sont offerts aux écoles de musiques en Afrique et au Moyen Orient chaque année.
http://www.musicfund.be/


stradivarius

Fondata nel 1988, la casa discografica Stradivarius si è imposta all'attenzione del mercato discografico internazionale come etichetta specializzata nelle incisioni di musica rinascimentale-barocca e del repertorio contemporaneo. Questa polarità delle scelte programmatiche, in cui si intersecano di volta in volta registrazioni rare e di notevole valore artistico (ad esempio la serie "Un homme de concert" che ha sancito ufficialmente la collaborazione con il grande Sviatoslav Richter), sono state suggerite dalla precisa volontà di assumere una connotazione estremamente caratterizzante nel panorama produttivo discografico. Ampio lo spettro in cui spazia Stradivarius, che propone pubblicazioni di musica sacra, secolare, vocale, strumentale, solistica, da camera e per grandi orchestre, e accanto ai celebri interpreti, l'etichetta milanese promuove giovani artisti di indiscusso talento.
Bruno Canino, René Clemencic, Alan Curtis, Kees Boeke, Emilia Fadini, Oscar Ghiglia, Jean Pierre Dupuy, Gabriel Estarellas, Monica Huggett, Lucas Pfaff, Josep Pons, Josep Pons, Arturo Tamayo, Ensemble Contrechamps de Genève, Munster Kammerorcheter, Meinzer Kammerorchester, Maggio Musicale Fiorentino, Orchestra verdi di Milano, Orchetre Philarmonique de Radio France, sono solo alcuni nomi e formazioni che hanno inciso per Stradivarius.
Con la linea Times Future, inoltre, la Stradivarius è diventata casa di riferimento nel repertorio contemporaneo, pubblicando opere di Donatoni, Sciarrino, Maderna, Petrassi, Molino, Fedele, Kogoj, De Pablo, ed altri ancora.
I CD Stradivarius sono distribuiti su scala mondiale.
SITO WEB: CLICCA QUI
FACEBOOK: CLICCA QUI

Articoli Recenti

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: